Costone Siena, derby con la Virtus dal sapore piccante

Sarà un derby dal sapore piccante quello che andrà in scena questa sera al PalaOrlandi con Costone e Virtus che si daranno battaglia a iniziare dalle ore 21, in una gara valida per la 2^ giornata del girone di qualificazione della Coppa Italia.

Torna quindi a distanza di due anni la stracittadina tra queste due realtà che lo scorso anno non hanno potuto incrociare le ‘armi’ in quanto la Virtus, in serie B, non era inserita nei gironi della C Gold e Silver. In quella circostanza si giocò al PalaVivaldi con la Virtus che non fece fatica a superare i gialloverdi allenati a quei tempi da PF Binella. Adesso però le cose sono cambiate sensibilmente: la Virtus ha perso qualche pezzo, mentre il Costone si è irrobustito in alcuni reparti; questo non vuol dire che sarà una partita equilibrata, la Virtus parte senza dubbio con i favori del pronostico in quanto formazione ben assemblata in ogni ruolo e comunque costruita per una C Gold da prima fila, ma il Costone potrà contare sul fattore campo, che alla fine potrebbe anche risultare determinante, oltre che su buone alchimie di gioco. Gli ingredienti per assistere a un’avvincente derby comunque ci sono tutti a iniziare dalla sfida padre-figlio’ sotto lo stemma ‘Braccagni’ protagonisti il padre Francesco, coach della Vismederi Costone, e il figlio Marco da quest’anno aggregato alla prima squadra allenata da Maurizio Tozzi.

“Sarà sicuramente una bella emozione – afferma il tecnico della Piaggia – non capita tutti i giorni affrontare da avversario il figlio. Lo faremo lealmente, con la massima sportività, ma soprattutto con l’affetto che ci lega.”

Sarà anche il derby degli ex con il grande assente della serata, Alessandro Nepi che nel frattempo è volato in Nuova Zelanda; dalla parte Vismederi invece la maglia da ex la veste, oltre a Vittorio Tognazzi, anche Marco Ceccatelli che ha fortemente voluto continuare la propria esperienza al Costone, dove tecnico e dirigenti gli hanno rinnovato ampiamente la fiducia.

Commenta
(Visited 32 times, 1 visits today)

About The Author

Gennaro Dimonte Nato a Barletta nel 1994. Prossimo alla laurea in Scienze della Comunicazione e aspirante giornalista. Si divide tra la palla a spicchi e il calcio, con i miti di Carmelo Anthony e Del Piero nel cuore. Grande appassionato di NBA, spera di rivedere i suoi Knicks tra le grandi.